Lo scorso 7 Luglio a Niamey, capitale del Niger, si è concluso il summit dei capi di governo africani con il quale è stata ratificata la nascita dell’AfCTA (African Continental Free Trade Area), ossia l’area di libero scambio più grande al mondo per numero di Paesi coinvolti (55) e che è destinata a creare un’Africa senza dazi, capace di far crescere le aziende e le industrie locali, nonché l’occupazione e il commercio. L’accordo si pone l’obiettivo di accrescere il commercio intra-africano, che fino ad oggi rappresenta il 17% degli scambi totali del continente e il cui volume potrebbe aumentare, secondo una stima dell’ECA (Economic Commission for Africa), di oltre il 50% entro il 2022 (rispetto al 2010).

Questo processo di industrializzazione, minato da una grande carenza di infrastrutture, vaste aree di instabilità determinate da scontri, terrorismo, guerre a bassa intensità, eccessiva burocrazia e corruzione, ha aperto un mercato che interessa a molti e in particolar modo ai principali competitor dell’area: Cina e Unione Europea.

Sullo sfondo della disputa commerciale e tecnologica con Washington, Pechino punta a creare, ormai da anni, corridoi economici con i partner africani, coinvolgendoli nel progetto “Nuova via della seta”, piano infrastrutturale per collegare, sia via terra che via mare, il sud-est asiatico, il Medio Oriente e l’Europa.

Per scaricare il paper Registrati o effettua il Login (la registrazione è gratuita)

Registrazione
 

Iscriviti alla newsletter.

Resta sempre aggiornato sulle nostre novità.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Continue Reading

Scopri come possiamo collaborare.

Scrivi a institute@alphainstitute.it oppure

Contattaci