La Turchia post-primavere arabe ha, di certo, delle novità rispetto a quella pre-2011. Da una parte il nuovo contesto geopolitico. La Siria, verosimilmente, non esiste più. Frammentata in più parti, il potere di Assad è stato fortemente ridimensionato dalla guerra civile, sia internamente che a livello internazionale. Anche se è vero che si può parlare di “vittoria” del fronte governativo di Damasco, il dittatore alauita non conta più dell’appoggio interno ed internazionale di prima del conflitto civile.

Oltre a questo, ovviamente, la questione curda. Le pretese di un Kurdistan indipendente erano già presenti anche prima delle primavere arabe. Il governo iracheno, iraniano, turco e siriano (che rappresentano i quattro paesi dove maggiore è la presenza curda sul territorio) oltre che quelli internazionali, hanno sempre evitato di affrontare la situazione in maniera definitiva, in un modo o un altro. Una cosa che le guerre moderne hanno dimostrato è che non sono più semplici come un tempo. Le battaglie decisive, alla Carl von Clausewitz, dove due distinti e massici eserciti si scontravano su un campo di battaglia regolare, stabilendo le sorti della guerra e dell’ordine mondiale, non esistono più. E non esistono soprattutto nell’era della guerriglia e del terrorismo ideologico e religioso.

Intervenire militarmente per sedare le ribellioni e pretese curde, quindi, sembra impossibile. Una tattica, questa, già provata in passato, anche nel recente periodo dalla Turchia di Erdogan, ma che a poco è servita. I curdi hanno giocato un ruolo fondamentale nella guerra appena finita in Siria, e adesso le loro aspirazioni indipendentiste sono notevolmente aumentate. Essi hanno offerto assistenza alla comunità internazionale e, a guerra finita, vogliono vedersi riconosciuti i propri diritti e le proprie richieste.

Per scaricare il paper Registrati o effettua il Login (la registrazione è gratuita)

Registrazione
 

 

Iscriviti alla newsletter.

Resta sempre aggiornato sulle nostre novità.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Continue Reading