La crisi libica ha avuto, sin dal suo inizio nel 2011, delle importanti e non trascurabili ricadute internazionali e regionali. La Libia è un tipico esempio di Stato fallito (failed State) dove più governi competono per avere la rappresentanza dell’intero territorio.
Dopo la caduta di Gheddafi, lo Stato libico è preda di fazioni violente e di gruppi terroristici che impediscono una rappresentanza unitaria dell’intera nazione.
La questione del governo dello Stato libico è importante, tra le altre cose, per individuare l’entità legittimata a disporre delle ricchezze del Paese, in particolare delle risorse petrolifere, dei fondi della Banca centrale libica e della LIA Libyan Investment Authority (Aspetto trattato nel report ‘Come opera il fattore Minniti in Libia per la stabilizzazione d’area e la sicurezza nazionale italiana’).

Prima dell’accordo di Skhirat (17 dicembre 2015), la situazione era grosso modo la seguente: un governo a Tobruk, un altro a Tripoli ed un gruppo facente capo all’ISIL che occupava una parte di Sirte e dintorni. Con l’accordo di Skhirat, sponsorizzato dalle Nazioni Unite e raggiunto grazie alla mediazione dell’inviato del Segretario Generale, Martin Kobler, è stato creato il Governo di Accordo Nazionale (GNA, secondo l’acronimo inglese), destinato a esercitare la sua autorità sull’intera Libia…

 

Continua a leggere sul paper..

 

Per scaricare il paper Registrati o effettua il Login (la registrazione è gratuita)

Registrazione
 

 

Iscriviti alla newsletter.

Resta sempre aggiornato sulle nostre novità.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Continue Reading