La resilienza è definita in letteratura come la capacità di un sistema di assorbire il rumore, inteso come qualsiasi forma di disturbo rispetto all’andamento normale degli avvenimenti, e riorganizzarsi in modo tale da mantenere essenzialmente funzioni, struttura e identità originarie intatte. In realtà non si tratta solo di questo: essere resilienti significa saper trasformare circostanze svantaggiose, avvenimenti traumatici in un’opportunità di rivalutazione ed evoluzione del proprio sistema, individuando nuove e più adatte traiettorie da seguire. In questo senso la resilienza non è solo resistenza, robustezza, ma anche e soprattutto capacità di adattamento costruttivo. Il focus è posto sulla dinamica del sistema, quando esso è disturbato rispetto al suo stato modale. Ogni sistema è costituito da dinamiche nidificati che operano secondo particolari scale organizzative, i sottosistemi, che vanno, per esempio, dalle famiglie, alle città, alle nazioni. Così, in un sistema resiliente i disturbi hanno il potenziale per creare opportunità a tutti i livelli, in modo differente, ma concentrico.

Di recente, il concetto di resilienza ha vissuto una notevole diffusione, in virtù della sua applicabilità a diversi livelli e contesti e del suo significato connotato da una sfera valoriale totalmente positiva…

 

Scarica il paper per continuare a leggerlo…

Per scaricare il paper Registrati o effettua il Login (la registrazione è gratuita)

Registrazione
 

 

Iscriviti alla newsletter.

Resta sempre aggiornato sulle nostre novità.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Continue Reading