Le relazioni inter-regionali tra Siria e Turchia sono tra gli aspetti geopolitici più importanti per comprendere l’attuale situazione di conflitto in Medioriente.

Da fedele partner commerciale e militare, la Turchia ha radicalmente modificato, a seguito delle primavere arabe del 2011, il suo atteggiamento verso il regime di Bashar Al-Assad. Il conflitto siriano è la chiave per comprendere l’attuale clima da guerra fredda, che regna nella regione del Tigri e dell’Eufrate.

L’attacco americano, che alle 2:45 (ora italiana) del 7 aprile 2017, ha visto il lancio in successione di 59 Tomahawk, missili da crociera a lungo raggio, dai due cacciatorpediniere americani USS Porter e USS Ross nel Mar Mediterraneo, è stato accolto con favore da Ankara, che in un comunicato ufficiale ha da subito auspicato una maggior ruolo statunitense nell’area, al fine di “punire Assad per i reati da lui commessi”.

In questa analisi, verranno analizzati i rapporti diplomatici tra Damasco e Ankara, cercando di comprendere i motivi alla base del cambio di strategia turco, nei suoi rapporti inter-diplomatici con Damasco. Inizialmente, verranno menzionate tre diatribe, che stanno alla base dei difficili rapporti tra i due Stati: L’ Alexandretta Issue; la questione idro-strategica del progetto di sviluppo regionale Sud-Orientale dell’Anatolia (GAP); e la questione curda, la quale, nel 1998, portò i due governi a sfiorare il conflitto armato. L’analisi proseguirà poi considerando le primavere arabe del 2011.

In ultima istanza, verrà poi presa in considerazione l’azione militare della notte tra il 6 e 7 aprile 2017 che vide, per la prima volta dall’inizio del conflitto siriano, navi da guerra americane colpire bersagli governativi siriani.

Per scaricare il paper Registrati o effettua il Login (la registrazione è gratuita)

Registrazione
 

 

Iscriviti alla newsletter.

Resta sempre aggiornato sulle nostre novità.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Continue Reading