A partire dalla seconda metà del secolo scorso, emersero sempre più frequentemente due concetti chiave, rispettivamente nel campo del diritto bellico e di quello post-bellico: diritto internazionale umanitario e giustizia transizionale. Il diritto internazionale umanitario è l’insieme delle norme di diritto internazionale pubblico che pongono limiti all’impiego di mezzi e metodi di combattimento, e che riguardano la protezione delle vittime di guerra o vittime dei conflitti armati, ossia di ogni persona estranea ai combattimenti o che ha cessato di prendere parte alle ostilità.  Rientrano in questa categoria la popolazione civile, i feriti, i naufraghi, gli ammalati, i caduti ed i prigionieri di guerra.  Nel corso del tempo, il concetto di vittima è stato esteso anche ai beni culturali e all’ambiente. La base fondamentale del diritto umanitario è costituita dalla prima Convenzione di Ginevra per il miglioramento delle condizioni dei militari feriti in guerra del 22 agosto 1864 e dalle quattro Convenzioni di Ginevra del 1949; i due Protocolli aggiuntivi dell’Aja del 1977 ed il Protocollo del 2005 hanno dato ulteriore impulso alla materia[1]. Con l’espressione giustizia transizionale, si intendono quell’insieme di strumenti giudiziali e misure stragiudiziali finalizzati alla riparazione delle conseguenze di violazioni di diritti umani su larga scala, in seguito a conflitti e/o guerre civili.  Gli obiettivi della giustizia transizionale vanno oltre il processo e la punizione dei colpevoli di massacri, comprendendo riforme istituzionali, verifiche accurate, risarcimento alle vittime e ricerca della verità. Si tratta di un processo articolato, che mira a ristabilire la coesione sociale e a costruire un futuro più pacifico e stabile, attraverso l’instaurazione o la restaurazione di un sistema di governo democratico. [1] Per approfondimenti, è possibile consultare Convenzioni e Protocolli sul sito internet del Comitato Internazionale della Croce Rossa, www.icrc.org

Per scaricare il paper Registrati o effettua il Login (la registrazione è gratuita)

Registrazione
 

Iscriviti alla newsletter.

Resta sempre aggiornato sulle nostre novità.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Continue Reading