Le previsioni climatiche che annunciano un graduale scioglimento dei ghiacci del Circolo Polare Artico, a causa dell’innalzamento delle temperature globali, e le prospezioni geologiche che hanno rivelato la presenza di grandi quantità di minerali sui fondali artici, hanno causato, di riflesso, un aumento delle preoccupazioni riguardanti la sicurezza dell’area. La competizione tra i cinque stati “rivieraschi” (Russia, Stati Uniti, Canada, Norvegia, Danimarca) per le rivendicazioni territoriali e l’accaparramento delle risorse energetiche, si è riversata anche nell’ambito militare, dove si è assistito ad un graduale rafforzamento dei dispositivi strategici dell’area. In tale contesto, il rinnovato attivismo della Russia di Vladimir Putin, particolarmente evidente negli interventi militari in Crimea e Siria, ha riacutizzato le divisioni tra l’ex Unione Sovietica e le varie declinazioni in cui si presenta il fronte occidentale (Stati Uniti, UE, NATO, coalitions of the willings), ricreando nuovamente un clima da Guerra Fredda.   Continua a leggere il paper in pdf…

Per scaricare il paper Registrati o effettua il Login (la registrazione è gratuita)

Registrazione
 

Iscriviti alla newsletter.

Resta sempre aggiornato sulle nostre novità.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Continue Reading