In Afghanistan è in corso una guerra civile da più di 38 anni, cominciata con la rivoluzione di Saur nell’aprile 1978, che depose il presidente della Repubblica Presidenziale dell’Afghanistan Mohammed Daud Kahn, che a sua volta sei anni prima si era sostituito a 40 anni di monarchia del cugino Mohammed Zahir Shah, e che portò al potere il Partito Democratico Popolare dell’Afghanistan e all’istituzione della Repubblica Democratica dell’Afghanistan (RDA). Le popolazioni rurali, fedeli ai principi tradizionali afghani ed islamici, si opposero dando vita al movimento guerrigliero dei mujaheddin, che provocò instabilità nel paese e portò all’invasione dell’Afghanistan da parte dell’Unione Sovietica nel dicembre del 1979 e all’istituzione di un governo fantoccio. Il movimento guerrigliero, sostenuto da aiuti e appoggiato da paesi esterni quali Stati Uniti, Pakistan, Iran e Arabia Saudita, riprese la lotta ancora più tenacemente, portando alla ritirata sovietica dieci anni più tardi. Senza l’appoggio dell’URSS, la Repubblica Democratica dell’Afghanistan collassò nell’aprile del 1992, quando i mujaheddin entrarono a Kabul estromettendo il governo e proclamando la nascita dello Stato Islamico dell’Afghanistan.   Continua a leggere sul paper…  

Per scaricare il paper Registrati o effettua il Login (la registrazione è gratuita)

Registrazione
 

Iscriviti alla newsletter.

Resta sempre aggiornato sulle nostre novità.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Continue Reading