cover_energia

L’Unione Europea è sotto assedio, circondata da crisi esterne, insidiata da problematiche interne, scossa da contingenze internazionali. Le istituzioni comunitarie paiono bloccate, incapaci di mostrare i vantaggi dell’unità a cittadini spaesati e Paesi sempre più chiusi, convinti che rispondere da soli a sfide regionali o globali sia un approccio strategicamente fruttuoso.

Come ha delineato il Presidente della Commissione Europea Juncker il 14 settembre scorso a Strasburgo, durante il discorso sullo stato dell’Unione, la “nostra Unione europea sta vivendo, almeno in parte, una crisi esistenziale. […] Mai prima d’ora ho visto così poca intesa tra i nostri Stati membri. Così pochi settori in cui sono disposti a collaborare. Mai prima d’ora ho sentito così tanti leader parlare unicamente dei loro problemi interni, senza menzionare l’Europa o citandola solo di passaggio”.

Non solo, il Presidente ha voluto evidenziare come i rapporti tra le istituzioni sovranazionali e le autorità nazionali manchino ormai di sistematicità e interazione, abbondando invece di animosità e scontri dialettici.

In un tale contesto, con crisi che tanto più i governi approcciano individualmente quanto più si aggravano e incancreniscono, una goccia di nuova linfa al processo d’integrazione continentale potrebbe arrivare dal tema dell’energia. Nello specifico, dall’Unione energetica. La presente analisi è la prima di due parti e tratterà il livello politico-strategico della questione, mentre la seconda parte si occuperà di investigare il livello tecnico-infrastrutturale.

Vai al Paper

Iscriviti alla newsletter.

Resta sempre aggiornato sulle nostre novità.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Continue Reading