coverfedeliset16

La diffusione della paura costituisce la componente fondante del terrorismo, di qualsiasi matrice e in qualsiasi sua fase storica. Effetto, portata e potenza del messaggio di gruppi terroristici che sfruttano questa tattica asimmetrica sono stati incredibilmente amplificati dalla rivoluzione nell’informazione, cassa di risonanza per la diffusione del messaggio e della violenza estremista. Lo sviluppo tecnologico in questo campo e nella comunicazione ha ampliato a dismisura la toolbox a disposizione di gruppi terroristici, ma non solo.

Da un lato le nuove tecnologie di comunicazione e networking hanno permesso a queste organizzazioni di coordinare attacchi ed operazioni eludendo il controllo di polizia e intelligence, costituendo quel modello di “terrorismo in franchising”, nel quale istruzioni e manuali operativi, assieme ad un possibile e più o meno indiretto supporto finanziario e di mezzi, vengono fornite a celle locali affiliate all’organizzazione madre. Questa categoria di terrorismo è esemplificata dagli attacchi al Bataclan perpetrati a Parigi nel Novembre 2015, nei quali un commando armato di AK-47 ha aperto il fuoco sugli spettatori, uccidendo 90 persone e ferendone molte altre.

Nonostante l’attacco sopracitato costituisca il più tragico attacco su suolo europeo nella storia recente, sia per numero di vittime che per livello di organizzazione e pianificazione mostrato, il trend di attentati degli ultimi anni, specialmente nel 2016, mostra generalmente una natura diversa per tipologia, motivazioni, portata, mezzi e tattiche impiegate. Nel palcoscenico di sicurezza europeo, il vero fattore di novità appare essere la progressiva affermazione dei cosiddetti cani sciolti, individui che, a seguito di un rapido e sommario processo di radicalizzazione, pianificano e perpetrano attacchi poi puntualmente rivendicati da gruppi come lo Stato Islamico.

Questa famiglia di attentatori è estremamente disomogenea e difficile da inquadrare o analizzare con chiarezza, tanto diversi sono profili, storie personali, ideologia e motivazioni dei protagonisti degli attacchi. Nonostante l’enfasi posta sulla sospetta correlazione tra il massiccio flusso di migranti e il terrorismo, la natura di questa minaccia appare essere prevalentemente domestica e locale (63% degli arrestati nel 2015 sono costituiti da cittadini europei), mezzi e tattiche impiegate sono meno sofisticate e gli attacchi risultano generalmente pianificati tra un ristretta cerchia di individui -se non attori solitari- privi di contatto con cellule o organizzazioni strutturate. Questa evoluzione costituisce un duplice vantaggio per attori come lo Stato Islamico.

Continua a leggere il paper in pdf…

Vai al Paper

Iscriviti alla newsletter.

Resta sempre aggiornato sulle nostre novità.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Continue Reading