Analisi della nuova politica militare cinese in Africa

Dal crollo del muro di Berlino in avanti ci siamo abituati alla graduale presenza della Cina nel campo della cooperazione internazionale. Questo trend d‘ apertura sebbene abbia avuto inizio verso la fine degli anni 70 divenne sempre più evidente dagli anni 90.

Difatti, con la fine della guerra fredda, gli interessi cinesi si sono evoluti in attività più pragmatiche come il commercio, l’investimento e l’energia. Osservando la dinamica di questa politica si può dire che vi siano due fasi. La prima che consiste nella presenza di industrie ed investimenti cinesi all’interno di determinati paesi, è una fase specifica e piuttosto trasversale tanto che troviamo questa partecipazione economica sia nei paesi più sviluppati che in quelli in via di sviluppo, essa non  è neanche focalizzata su un settore specifico tanto che si passa dagli investimenti nell’ industria del lusso in Italia e Francia, alla presenza di lavoratori cinesi in impianti estrattivi in alcuni paesi dell’ Africa Occidentale, come il Chad, la Nigeria ed il Gabon. Le relazioni commerciali sino-africane si sono quadruplicate tra il 2000 e il 2006…

Per scaricare il paper Registrati o effettua il Login (la registrazione è gratuita)

Registrazione
 

2017-11-29T12:31:44+00:00 dicembre 4th, 2017|Difesa e Sicurezza, Pubblicazioni|