Guerra dei droni tra necessità militari e Psychological Warfare

© U.S. Air Force

di Francesco Trupia, Denise Serangelo

Programma di Ricerca

DIFESA E SICUREZZA

drones analysis

Il sempre maggiore utilizzo degli UAV all’interno degli scenari internazionali, ossia dei velivoli senza pilota comunemente definiti come “droni”, nonostante rappresentino una delle più grandi rivoluzioni in ambito militare per la lotta al terrorismo, consegnano agli esperti un incalzante dilemma. Se l’indiscusso e sempre più ampio utilizzo degli UAV viene giustificato dall’alto livello di efficace ed efficienza esprimibile dalla macchina su tutti e tre i livelli operativi, bisogna aprire una disquisizione su quale sia il prezzo da pagare in ambito umanitario soprattutto per i civili ingiustamente coinvolti in tali operazioni aeree.

Nell’ultimo biennio, la letteratura scientifica riguardante gli effetti collaterali dell’utilizzo degli UAV è aumentata parallelamente all’utilizzo dei veicoli senza pilota all’interno dello scacchiere internazionale. Giuristi ed esperti dello scenario dei diritti umani non hanno tardato a esporre le proprie critiche in merito alla già denominata guerra del countering terrorism e, all’interno dell’organo internazionale delle Nazioni Unite, sono stati due i report di rottura che hanno incrinato l’approccio alla war on terror che l’Assemblea Generale di New York ha deliberato nell’8 Settembre 2006 nella risoluzione Global Counter-Terrorism Strategy. Quest’ultima rappresenta uno dei documenti più importanti adottati dall’Assemblea in materia di lotta al terrorismo, nonostante – anche in questo caso -, le garanzie di sicurezza riguardanti il rispetto dei diritti umani siano state inserite all’interno dell’ultimo dei quattro pilastri della risoluzione.

In questo contesto istituzionale si espresse la volontà di un nuovo e sempre più incisivo utilizzo dei velivoli a pilotaggio remoto per le più disparate necessità tattiche ed operative nei teatri d’operazione aperti dopo l’11 settembre 2001. Una necessità militare dettata dal nuovo assetto assunto dal nemico, che grazie alle tecniche di occultamento e di guerriglia avanzata, costringevano le unità combattenti regolari a schierarsi secondo tecniche ormai desuete rendendoli vulnerabili. L’uso dei droni da questo punto di vista alleggerì il divario tra forze di resistenza ed eserciti regolari, permettendo anche a questi ultimi di lavorare in modo silente dietro le linee nemiche, un vantaggio che potrebbe sembrare riduttivo ma che in realtà è la più grande conquista nell’uso dei droni in zona d’operazione.

Fino ad ora si è però soprattutto discusso dell’uso dei velivoli a pilotaggio remoto in funzione di sorveglianza avanzata senza citare quelli che sono definiti UCAV cioè droni armati in grado non solo di filmare e fotografare ma soprattutto di uccidere target specifici. In questo caso, il drone, cessa di essere uno strumento di equiparazione tra due fronti che si fronteggiano con metodologie di combattimento asimmetriche, per diventare un’arma vera e propria alla stregua dei velivoli stealth.

Se nel 2010 Philip Alston in qualità di Relatore Speciale presso il Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni aveva ampiamente criticato le azioni militari di targeted killing fuori da un contesto bellico e in assenza di un attacco armato imminente, lo strappo definitivo contro le attività di peace enforcing nei luoghi in cui l’ingiusto coinvolgimento dei civili è insuperabile avviene nel Settembre 2013. In quell’occasione, Ben Emmerson, in qualità di Special Rapporteur presso le Nazioni Unite, introduce una definitiva rottura rispetto alla risoluzione Onu del 2006 attraverso il suo terzo rapporto annuale sulle vittime causate dai droni nei territori di Afghanistan, Yemen, Iraq, Libia, Somalia, Pakistan e nella Striscia di Gaza. Il documento sulla Promotion and protection of human rights and fundamental freedoms while countering terrorism, che proprio Emmerson ha riproposto agli organi delle Nazioni Unite nel 2014, non rappresenta solo una fondamentale ricerca scientifica riguardante l’aspetto meramente statistico dei civili coinvolti, quanto un ufficiale documento contro la risoluzione adottata l’8 settembre del 2006 e la giurisdizione vigente.

La maggiore critica sull’utilizzo dei veicoli senza pilota, soprattutto in chiave intelligence, concerne l’identificazione di un nemico che fisicamente non esiste. Nei moderni scenari asimmetrici il nemico in realtà è un “non-nemico” perché privo di uniformi e armi con cui riconoscerlo ma contro cui bisogna agire militarmente in virtù di un procedimento legislativo di dubbia liceità.  Le operazioni di targeting che poi potrebbero trasformarsi in operazioni killing, si portano avanti solo in riferimento a dati riportati in modo oggettivo senza la contestualizzazione necessaria, il soggetto (quasi sempre civile) non ha possibilità di giustificare le proprie azioni dunque non gli è garantito il diritto di replica tipico dei processi tradizionali. Non solo, ma l’assenza di una vera e propria giuria ha posto molti dubbi su come, in un clima di guerra al terrore, venga scelto chi è colpevole o meno.

Uno dei casi classici, dove la critica all’uso dei velivoli senza pilota si è fatta pressate è sicuramente la campagna militare di Falluja nel 2009. Diverse centinaia furono i target individuati e considerati ‘ostili’ sottoposti ad un processo sommario tramite una catena di comando di cui si ignorava l’esistenza e che si trovava a diverse migliaia di chilometri per poi essere inseriti nelle killing list. L’uso inappropriato e sconsiderato dei droni ha portato la letteratura scientifica a schierarsi contro l’uso di tale tecnologia, ignorandone le ricadute positive per le operazioni militari e d’intelligence. Lo stesso Presidente americano Barack Obama, preso spunto da quanto accaduto a Falluja ha chiesto una revisione della dottrina d’impiego degli UAV e degli UCAV per renderla più attagliata alle regole di civile democrazia.

La campagna contro l’uso indiscriminato ed ingiustificato dei velivoli a pilotaggio remoto è stato per Barack Obama uno dei capisaldi del suo primo mandato come Presidente, nonostante le intenzioni lodevoli, ormai intere dottrine avevano basato il loro focus sull’uso dei droni. Una rivoluzione in tal senso avrebbe richiesto un poderoso passo indietro dell’indotto industriale della difesa e soprattutto una rivisitazione più umana e meno tecnologica di gran parte delle dottrine post 11 settembre 2001.

La distinzione tra “nemico” e “guerrigliero” è una delle considerazioni che all’inizio della guerra al terrorismo è apparsa superflua e presa in considerazione dalla stessa giurisdizione statunitense solo in tempi recenti. Solo nel 2009 attraverso la sentenza della Corte Suprema “Hamdan v. Rumsfeld” si è giuridicamente stabilito che il conflitto tra gli Stati Uniti e la formazione terroristica di Al-Qaeda rientra nella categoria dei conflitti armati non internazionali. Una sentenza che attesta giuridicamente il definitivo superamento del classico concetto di campo di battaglia esente oramai da delimitazioni e confini definiti. Delimitazioni, che in ambito umanitario appaiono inesistenti non solo nella distinzione tra nemico e guerriero, ma anche tra nemico e civile all’interno del target selezionato durante le operazioni militari. Nello stabilire la colpevolezza, così come l’innocenza, di un gruppo di persone che rientrano all’interno del target militari, quest’ultimo verrà esclusivamente stabilito sulla base di informazioni specifiche riportate dal drone. Una logica di azione militare, quella di un drone kamikaze, che, paradossalmente, appare assai simile a quella degli jihadisti visti recentemente in azione all’aeroporto di Istanbul, o in passato in Medio Oriente. Infatti, speculando dal un punto di vista prettamente culturale, tipologie di drone come gli Israeliani HAROP, divenuti celebri durante l’ultima escalation nel Nagorno-Karabakh del 2 Aprile 2016, evidenziano come le possibilità di un azione “kamikaze” sul target stabilito possa essere presa in considerazione anche da personale militari che non si curano della strategia generale. Ignorando proprio quest’ultimo punto le operazioni militari, portate avanti in quasi totale autonomia da semplici soldati, che nulla o quasi sanno della strategia militare perseguita dai vertici militari e politici, diventano simili ad un semplice war game dove non si distingue la realtà dalla semplice suggestione.

Inoltre, come evidenziano gli analisti militari (2016, D. Serangelo), nonostante gli UAV rappresentano una valida alternativa agli enormi danni collaterali di un bombardamento aereo delle truppe aviolanciate, l’attività di un drone viene comunque proietta verso elementi ridotti nella loro selezione, ma ugualmente incapaci di assicurare la precisione verso i target umani, con un’inesistente discriminazione tra “innocenti” e “colpevoli”. E’ in questo contesto che si colloca la clausola meno conosciuta ma al contempo più citata chiamata “danno collaterale”, tale clausola permette ai militari di dirigere il fuoco delle operazioni offensive o difensive verso quei target considerati di fondamentale importanza per la riuscita della missione nonostante la presenza di civili nelle vicinanze. La considerazione del danno collaterale, soprattutto con la sopraggiunta lotta al terrorismo internazionale e l’evoluzione degli spazi di manovra, si è fatta sempre più labile così come il concetto di obbiettivo sensibile ed essenziale alle operazioni di ampio respiro.

Da una parte le attività militari condotte dai velivoli senza pilota rimangono la prima win-win strategy in merito a spese militari, superamento delle attività militari dei boots on the ground (che in parte assicura alle leadership politiche un appoggio più o meno importante rispetto alle relazioni istituzionali tenute con i rispettivi eserciti nazionali), e nuovi progetti di sviluppo tecnologico con aziende del settore difesa. Dall’altra parte, però è necessario considerare che una lotta al terrorismo perpetrata attraverso logiche di guerriglia altamente tecnologica per far fronte a quella improvvisata dei terroristi stessi, crea delle conseguenze nel futuro della popolazione civile che, sicuramente, rimane tutt’oggi uno degli argomenti più drammatici e meno tratti allo stesso tempo.

Come riportato dai report delle Nazioni Unite, infatti, chi sopravvive ad un attacco con gli UCAV rimane spesso vittima di ferite incapacitanti, o addirittura subisce amputazioni importanti degli arti. Nel caso di droni da sorveglianza si è invece riscontrato un preoccupante aumento dei casi di disturbo post traumatico da stress anche in soggetti esenti dai teatri di scontro veri e propri a causa della sorveglianza continua e dell’incertezza costante di venire accusati ed uccisi da un drone.  Lo stato di psychological warfare, sarebbe dovuto essere uno dei pilastri su cui si doveva basare l’exit strategy in Afghanistan, dove la comunità internazionale conduce la sua war on terror, così come previsto dal terzo pilastro della risoluzione ONU del 2006.[1]

Figura 1. Gli aspetti della "guerra dei droni" sembrano ormai caratterizzare la vita delle popolazioni civili come in Afghanistan, dove gli UAV hanno contagiato anche l'antica tradizione della produzione artigianale dei tappeti. Fonte: warrug.com

Figura 1. Gli aspetti della “guerra dei droni” sembrano ormai caratterizzare la vita delle popolazioni civili come in Afghanistan, dove gli UAV hanno contagiato anche l’antica tradizione della produzione artigianale dei tappeti. Fonte: warrug.com

Se durante il periodo della Guerra Fredda erano le testate nucleari ad aver mantenuto per decenni un clima di costante tensione tra i due blocchi allora contrapposti, i sistemi militari di velivolo senza pilota sembrano sostituirsi all’interno di una attuale guerra psicologica 2.0. Appaiono quindi da non sottovalutare le conseguenze della contemporanea drones warfare che non preclude la possibilità di (ri-)creare una nuova propaganda antioccidentale all’interno dei Paesi più inclini a tali fenomenologie di costruzione delle identità jihadiste. Ad Islamabad ad esempio, è ormai comprovato che un certo antiamericanismo è veicolato grazie a informazioni poco accurate, spesso imbeccate dai governo e militari, per sobillare la cittadinanza contro gli Stati Uniti e i loro attacchi dei droni. L’immagine dei tappetti di tradizione afghana in cui vengono ricamate le classiche figure geometriche di un semplice drone dovrebbe definitivamente riconoscere la pericolosità dei possibili scenari futuri del countering terrorism.

Quella dei droni rimane quindi “una guerra psicologica e una guerra di idee, in cui l’arma principale rimane anche la paura costruita attraverso l’utilizzo di immagini e suoni”,[2] in cui le speculazioni delle possibili formazioni terroriste appaiono funzionare proprio sui civili e i più giovani. Per tali ragioni, ad esempio, sempre in riferimento alla guerra dei droni, l’antropologo russo Sergei Ushakin ha parlato dell’utilità di un approccio psicoanalitico nello studio degli scenari di disordine militare in cui la popolazione civile continua a vivere sotto il traumatico effetto della guerra. Quest’ultima, soprattutto che procrastinata con armi avanzate dal punto di vista tecnologico, rimane capace di creare un sentimento all’interno della collettività in cui, sempre secondo Ushakin, l’aspetto del “dolore” o della “perdita” costituisce attraverso un “principio strutturale della quotidianità” la costruzione di nuovi sentimenti di odio e rivincita. Altri studiosi invece, come Christopher Mitchell e John Burton, hanno addirittura ipotizzato che conflitti in corso o “congelati”, come Iraq o Afghanistan, Cecenia o Nagorno-Karabakh, presentano una percentuale di risolvibilità pari al 5% a causa degli incipienti effetti psicologici sui civili.

Per tali ragioni, la “guerra dei droni” dell’Occidente potrebbe paradossalmente agevolare, qualora non lo avesse già fatto, un terreno fertile di odio contro le istituzioni occidentali e uno spirito di rivincita e resistenza tanto caro alle formazioni jihadiste. Inoltre, le attività svolte dagli UAV non rappresentano un uso della forza legittima dello Stato classico e tradizionalmente utilizzato, ma un concetto giuridico della voluntas nello ius ad bellum con una serie di implicazioni che al momento rimangono sottovalutate.

Note

[1] III Pillar – “Building States’ Capacity and Strengthing the Role of the United Nations”

[2] M. Martišius, (Ne)akivaizdus karas: nagrinéjant informacinius karus, 2010, Vilnius, p. 240.

Segui gli aggiornamenti su

GR

2017-03-18T13:31:59+00:00 luglio 4th, 2016|Drones Analysis, News, Pubblicazioni|